Il matrimonio di due viaggiatori seriali

Il matrimonio di due viaggiatori seriali

Ci sono progetti che nascono dal cuore.
Ci sono progetti che seguono un loro sviluppo naturale.
Ci sono progetti in cui la matita disegna spontaneamente gli elementi del racconto.

Quando mi capitano questi progetti, ecco è con infinita gioia che mi lascio trasportare e la fase creativa ne guadagna sempre in emozione e sentimento! Al primo incontro, fin dalle prime parole scambiate con i futuri sposi per delineare gli elementi del loro progetto, una folla di idee ed ispirazioni hanno intasato la mia testa …avete presente quando si sentono tutte le rotelline nel cervello che girano veloci e veloci e riuscite a creare mille e più scenari possibili? Avete presente quell’ingorgo di immagini, scene, materiali, combinazioni che si crea quando il pensiero corre troppo veloce? …sì, è quella fase che mi piace definire progettazione onirica, perchè è lì che si delinea il sogno da realizzare 🙂

Ecco vi voglio raccontare una storia, vi voglio parlare di un viaggio che ho fatto insieme ad una meravigliosa famiglia, che mi ha permesso di vivere i loro ricordi proiettando le loro speranze nel futuro. Elena ed Agostino sono una coppia di viaggiatori seriali! Sì proprio di quelli con la valigia sempre pronta! Quando ci siamo conosciuti e mi hanno detto che il tema del loro matrimonio sarebbe stato ovviamente il VIAGGIO, beh che dire, era il tema che meglio avrebbe descritto il loro dna. Nient’altro avrebbe potuto essere il concetto alla base del loro progetto di nozze!

Certo che, dire tema viaggio è dire tutto e… dire niente!
Ci sono così tanti modi per raccontare una storia… ed il tema viaggio chiama in causa molti, moltissimi, troppi elementi con cui avremmo potuto costruire lo scenario.
Noi ne abbiamo scelto uno principale: i viaggiatori.

Senza ombra di dubbio loro, le loro avventure, le loro esperienze dovevano essere al centro. Se no sarebbe stato UN viaggio qualsiasi, io invece volevo disegnare e mettere in scena IL viaggio, quello della loro vita. Abbiamo scelto per questo viaggio speciale un mezzo lento, leggero e che si sarebbe ben coniugato con il mondo dei ricordi: la mongolfiera!

La mongolfiera è un enorme pallone, che viene gonfiato con aria e con altro combustibile (l’amore!!! Love is in the air mi risuonava sempre in testa mentre disegnavo!), una volta in volo viene trasportata dal vento (dei ricordi… o delle passioni dato che si tratta di sposi 🙂 ) e dalle correnti (delle speranze future). Quindi la mongolfiera era il mezzo assolutamente perfetto per intraprendere quest’avventura lungo il tragitto temporale di una vita colma di emozioni, di gioie, di bei ricordi e di nuovi eventi ancora tutti da vivere!

Dopo aver individuato gli elementi che avrebbero composto il progetto, non mi restava che lasciare libertà alla mia mano e alla mia matita per disegnare quello che avevamo “visto e sognato”. Confermati anche lo stile, i colori, il carattere che avrei dovuto rispettare, sono partita dall’illustrazione che rappresentava proprio la loro famiglia a bordo della mongolfiera! Ho poi declinato l’idea per le partecipazioni, i menu, i ventagli, i libretti cerimonia, le bomboniere, il tableau de mariage, i segnatavoli ed i segnaposto!

Ci sono tanti modi per raccontare una storia, un viaggio.
Questo è il racconto di Elena, Agostino e del piccolo Francesco.
Questo è come io ho interpreto la storia di un viaggio.



error: Content is protected !!